Omaggio al Cappello #hatmania
By Archivio Post Post

La mostra curata da Caterina Camanzi non segue un percorso cronologico o stilistico, bensì una condivisione del cappello come oggetto curioso, artistico, divertente, fantasioso, stravagante, esagerato e bizzarro. Il percorso espositivo oltre a indagare i modelli di un’epoca che hanno fatto la storia dell’accessorio sarà accompagnata da una sezione più contemporanea , “post – millennium” frutto di un abilità artigianale di un mestiere arte che va preservato e della reinterpretazione delle linee stilistiche del passato, attualizzate alle mode del presente.
Il cappello cela il capo ma sotto di lui anche il volto muta il proprio aspetto in un gioco di ammiccamento, seduzione, provocazione che lo rende davvero strumento di magia. La forma del cappello segue la forma della testa ma al tempo stesso la trascende e parla una lingua propria capace di amplificare le relazioni comunicative. Mettersi il cappello, togliersi il cappello, cambiare cappello: uno spettacolo di complicitá in cui persona e copricapo sono entrambi primi attori.

Comments are closed.

Translate »